Post Il caso Kennedy 4 – La cattura di Oswald (e l'uccisione di Tippit) in tema Calcio Italia sono più interessati da molti di voi in questo momento !! Oggi impariamo Il caso Kennedy 4 – La cattura di Oswald (e l'uccisione di Tippit) con clubmilan.net nell’articolo di oggi!

Video Il caso Kennedy 4 – La cattura di Oswald (e l'uccisione di Tippit)

Contenuto su Il caso Kennedy 4 – La cattura di Oswald (e l'uccisione di Tippit)

Come fa la polizia a catturare Oswald dopo l’assassinio del presidente Kennedy? E perché Oswald uccide il poliziotto J.D. Tippit che incontra lungo la strada?

Cerca dati su Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L’Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto su Wikipedia

essere vedi di più contenuto } su Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L’Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto dalla fonte di Wikipedia Italia.

Domande riguardo a Il caso Kennedy 4 – La cattura di Oswald (e l'uccisione di Tippit) – Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L’Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto

Se hai domande su Il caso Kennedy 4 – La cattura di Oswald (e l'uccisione di Tippit) – Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L’Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto, faccelo sapere, tutte le tue domande o suggerimenti mi aiuteranno a migliorare nei seguenti articoli!

L’articolo Il caso Kennedy 4 – La cattura di Oswald (e l'uccisione di Tippit) – Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L’Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto è stato compilato da me e dal mio team da molte fonti. Se trovi utile l’articolo Il caso Kennedy 4 – La cattura di Oswald (e l'uccisione di Tippit) – Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L’Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto, supporta il team Metti Mi piace o Condividi!

Immagini di Il caso Kennedy 4 – La cattura di Oswald (e l'uccisione di Tippit) – Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L’Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto

Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L'Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto - Il caso Kennedy 4 - La cattura di Oswald (e l'uccisione di Tippit)

Immagine introduzione per Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L’Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto

Guarda altri video su Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L’Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto qui: Source Youtube

Statistiche dei post Il caso Kennedy 4 – La cattura di Oswald (e l'uccisione di Tippit) – Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L’Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto

Video “Il caso Kennedy 4 – La cattura di Oswald (e l'uccisione di Tippit)” aveva Visualizza (view), piace [vid_likes] volte, votato /5 punto.

Canale Massimo Polidoro ho speso molto tempo e sforzi per finire questo video con questo lasso di tempo , tu per favore condividi questo clip per grazie l’autore.

Parole chiave per questo video: #caso #Kennedy #cattura #Oswald #l39uccisione #Tippit, [vid_tags], Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L’Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto, Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L’Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto, Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L’Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto, Quando Un Uomo Con La Pistola Incontra Un Uomo Con Il Fucile L’Uomo Con La Pistola è Un Uomo Morto

Source: Il caso Kennedy 4 – La cattura di Oswald (e l'uccisione di Tippit)

Có thể bạn quan tâm:

Comments

  1. gianni paladini

    Vorrei aggiungere qualcosa a questa interessante ricostruzione.

    Nel rapporto Warren si afferma esplicitamente che Oswald, dopo aver lasciato il deposito, ha preso prima un autobus e poi un taxi per raggiungere la pensione dove alloggiava. Secondo la direttrice della pensione, Earlene Roberts, Oswald sarebbe entrato in modo concitato verso le ore 13.00 di quel l 22 novembre 1963, circa mezz'ora dopo l'omicidio del Presidente, per uscire dall’abitazione, sempre di fretta, circa quattro o cinque minuti dopo. Anche senza ripercorrere la dettagliata ricostruzione degli eventi contenuta nel rapporto Warren, non si può fare a meno di chiedersi: perché un uomo, dopo aver ucciso nientemeno che il Presidente degli Stati Uniti d'America ed essere fuggito miracolosamente all'immediata cattura, invece di restare a casa, sente l'urgenza di uscire e di affrontare tutti i rischi che una simile decisione comporta? La condotta umana, anche nelle indagini di polizia, deve essere esaminata e valutata secondo le leggi della logica. Se Oswald ha davvero ucciso Tippit, un'ipotesi alternativa, ma del tutto plausibile, trova conforto nella deposizione resa agli inquirenti dalla stessa signora Roberts, la quale ha affermato che dopo il ritorno di Oswald in pensione, prima che lui uscisse di nuovo, una macchina della polizia è passata lentamente davanti alla casa, arrestando per un attimo la marcia e suonano più volte il clacson. Viene spontaneo sospettare che un poliziotto di Dallas fosse stato incaricato di "portare in salvo" Oswald dopo l'assassinio del presidente e avesse segnalato la sua presenza per attenderlo poi in un punto convenuto. Cosa può essere successo? Si sa per certo che la pistola di Tippit, secondo quanto emerge agli atti, si trovava accanto al cadavere, ma è improbabile che l'agente abbia avuto il tempo di tirarla fuori dall'auto quando ha notato la minaccia, perché non ne avrebbe avuto il tempo. Appare molto probabile invece che l'abbia tirata fuori mentre il suo corpo era ancora al posto di guida, e che Oswald, avendo notato quella manovra, abbia capito che l'agente non era lì per portarlo in salvo, come concordato, ma per ucciderlo, e abbia fatto fuoco non appena Tippit si è reso completamente visibile sulla sinistra della sua auto. I cinque colpi sparati contro l'agente, alcuni mentre era già a terra, rivelano una furia ingiustificata, non riconducibile alla necessità di dover sfuggire alla cattura, ma piuttosto alla reazione rabbiosa di qualcuno che si è sentito tradito dai suoi complici. Questa è solo un'ipotesi, ma valutando i fatti secondo logica ed esaminando la documentazione agli atti, credo che la Commissione Warren abbia respinto con troppa superficialità la testimonianza della signora Roberts, forse perchè non in linea con la tesi preconcetta del colpevole isolato

  2. Canale Al Quadrato

    E poi, anche se fosse, quello che racconta favole che si stupisce del fatto che la polizia si muove per uno che non ha pagato il biglietto del cinema, anche se fosse, mica è successo in italia, che a momenti le forze dell'ordine non escono dalle caserme nemmeno per una rapina in banca 🤣🤣🤣

  3. ros22ta05gno87

    La storia della fuga di Oswald mi ricorda quella volta che provai a superare un esame all'università avendo studiato solo la notte prima (il grande delitto): tanto, mi dicevo, male che vada possono solo bocciarmi. Con grande fortuna feci un figurone alle prime due domande (la fuga dal deposito); poi alla terza domanda (Tippit e il cinema) dissi una str0nz4ta e giustamente mi bocciarono. E lì, senza grande razionalità, iniziai a rosicare (come Oswald iniziò a dire di essere parte di un complotto).

  4. Salvatore Cataldo

    Per me dimentichi un piccolo particolare che a sparare al presidente sono stati almeno 3 cecchini da 3 postazioni diversi e se lui vedendosi incastrato stava scappando facendo solo casino hai mai visto in un attentato terrostico la polizia dare con assoluta precisione l'aspetto fisico dell' attentatore

  5. Simone Lajos

    Cioè. Scusa. È stata promulgata una descrizione di un uomo alto 170 di 70 kg con i capelli chiari di età intorno ai 30 anni? Sulla base di una testimonianza di un uomo che era a terra e ha visto qualcuno al sesto piano?

  6. Aldo Oxa

    massimo io sempre ascolto le tue video ma questa volta non sono d'accordo con te,che ce tanti cos'è dentro che mi fa pensare!!presepio autista che gridava l'auto perché anche lui ha sparato?

  7. Mdhd Shshs

    Esiste una prova schiacciante che quel complottista da strapazzo dice cose inesatte e superficiali in questo ottimo lavoro di polidoro, l’audio originale della polizia in cui si sente dire “un sospetto è entrato nel cinema” e non “un portoghese è entrato senza pagare al cinema”, la cosa è dirimente.

  8. Francesco Abbate

    Mah, non sono cospirazionista ma se lo fossi non è che questa ricostruzione sgombri totalmente il campo dai dubbi, per esempio quando si citano ovviamente come prove a sostegno elementi come la testimonianza della moglie Marina che aveva subito pressioni e manipolazioni tali che avrebbe confessato anche di aver visto Pippo e Pluto sparare a Kennedy se glielo avessero chiesto, oppure che il fatto che Oswald possa non essere affatto del tutto innocente automaticamente trasforma la versione ufficiale nell'unica valida. La verità temo sia sempre quella di Kurosawa: cambia a seconda di chi la racconta e non ne esiste mai UNA.

  9. clemente4299

    Caro Polly stai pur certo che a sparare su Tippit furono in 2 perche' i proiettili sparati erano di 2 tipi: winchester e remigton. Poi furono sostituiti con quelli di Oswald.Inoltre tutti i pezzi grossi della polizia di Dallas erano collusi.Poi dimentichi di dire che la sua affittacamere Erline Roberts prima che Oswald uscisse udi' dei colpi di clacson e due agenti in macchina si avvicinarono alla casa come fosse un segnale,e che per questa dichiarazione venne talmente perseguitata dalla polizia di Dallas fino a morirne.Anzi sai cosa penso? che sei anche tu un debunker.

  10. Roberto Sanfilippo

    Non è che i testimoni sono come quelli che hanno avvistato il bottone?. Tutto è possibile, tu non eri lì, non puoi esserne certo. Comunque il video è fatto bene.

  11. Francesco Specchia

    Come disse Kevin Conster nella celebre arringa finale nel film di Stone….” Un immagine vale più di 1000 parole”….. ora la chiave di volta sta nel filmato di zapruder e nelle foto dell autopsia…. Si dovrebbe creare un equipe formata dai migliori scienziati a livello internazionale…. Medici legali … fisici.. anatomopatologi ecc
    Se si stabilisce una volta per TUTTE che la ferita alla gola e il risultato di un proiettile in entrata vuol dire che ci fu un altro cecchino…. Se si stabilisce una volta per TUTTE in modo inconfutabile che il movimento della testa di Jfk e dovuto ad un colpo arrivato dal davanti allora ci fu un altro cecchino…. E cosa implica di fatto la presenza di un altro cecchino????
    Che a Dallas quel giorno ci fu un complotto, secondo me, ordito da colui il quale trasse maggior vantaggio ovvero il sig li Lyndon Johnson….
    P.s
    È illuminante L intervista rilasciata dalla vedova di Johnson reperibile su YouTube….

  12. Anton Dionyso

    C'è un piccolo errore; Mrs Markham dice di non aver gridato tanto era paralizzata e temeva per la sua vita. Le due donne che vedono passare Oswald, sotto alla loro finestra, secondo la presente ricostruzione, sarebbero state attirate dalle urla della Markham. Chi dice il falso dei tre? Mai visto Rashomon di Kurosawa? Fa capire su cosa si basi il successo delle teorie complottiste. Non è che durante il confronto all'americana indicano Oswald perché è l'unico con l'occhio nero? Ted Calloway, che eroe! Ha visto Oswald con l'arma in pugno e gli ha chiesto se aveva qualche problema. 🙂 Io me la sarei data a gambe levate. Roba alla Cadillac Man. Un pazzo è un'altra cosa. Oswald non è meno squilibrato e megalomane di un qualunque leader politico, molti dei quali pianificano o giustificano omicidi di massa per inseguire sogni di gloria. Solo che lo fanno in modo un po' più intelligente. Oswald è un improvvisatore, un killer semi-organizzato, che confida nella sua capacità di cavarsela in extremis e nella buona stella. Per quanto ci dispiaccia riconoscerlo non è un uomo peggiore di tanti altri. Piccole domande: è certo che fino alla cattura del cinema i bollettini della polizia non mettano in relazione, neanche per un attimo, l'uccisore del poliziotto con l'attentatore? La folla che si raccoglie fuori al cinema non lo vuole linciare in quanto indotta a pensare che Oswald sia l'assassino del presidente? Comunque sia, San Tommaso (il gemello) docet che finché non si mette il dito nella piaga, permane il dubbio.

  13. fedelemario

    be il Segno nella Storia lo ha lasciato,,anche se in modo negativo….un FOLLE,,certo che l'america è un gran POSTO di MITOMANI..anche J.Lenon ucciso in un Parco da un FOLLE..Grazie un VIDEO interessante ed appassionante anche x i FILMATI storici

  14. Lorenzo Silvestrini

    un altra cosa che non capisco è per quale motivo Oswald, dopo aver ucciso il poliziotto, avrebbe dovuto gettare a terra i bossoli in prossimità del luogo del delitto anziché liberarsene durante la fuga da qualsiasi altra parte.

  15. Koper6u

    09:25 "Il signore che abbiamo appena sentito" ha investito tutto se stesso alla ricerca di complotti riguardo JFK, 09/11, le missioni Apollo ecc. ecc. Difficile che faccia uno sforzo per documentarsi e accettare la realtà dei fatti. E' troppo esposto per fare marcia indietro… Caso mai farà uno sforzo per sostenere le sue teorie, che fino a prova contraria gli forniscono il sostentamento. Massimo Polidoro rappresenta una minaccia al suo introito. Per questo è così aggressivo ("te capì…?). C'est la vie!

  16. Cristiano Orsi

    Ma se Oswald voleva passare alla storia come quello che ha ucciso il presidente degli usa, perché non ha mai rivendicato questo omicidio? anzi addirittura diceva di essere stato incastrato.

  17. Lucy Z

    Fino a poco tempo fa, vedevo questi avvenimenti come lontani, persi nella storia, come se il tempo li avesse disumanizzati, e resi solo "fatti" privati da emozioni. Seguendo i tuoi video, raccontati nel dettaglio, mi sono resa conto di quanto "reali" siano stati quei momenti. Non e' stato ucciso un "simbolo". E' stato ucciso un "uomo", amato dalla sua famiglia, da sua moglie, da molta gente. Mi sono immedesimata nel terrore che deve aver provato sua moglie in quel momento. E' morto un uomo con le sue forze, e le sue debolezze, i suoi sogni, e le sue speranze, e che provava le nostre stesse emozioni. Ucciso da una persona che lo vedeva solo come un simbolo.
    Forse potra' sembrare sciocco, ma, questa consapevolezza e' stata importante per me, e un invito a guardare oltre ai "simboli", per scoprire le "persone".
    Grazie Massimo per cio' che fai. Il tuo lavoro e' prezioso.

Trả lời

Email của bạn sẽ không được hiển thị công khai. Các trường bắt buộc được đánh dấu *